Papa Francesco saluta l’Oratorio

da l’Eco di Bergamo del 24/06/13

Tanta emozione, ieri mattina in Piazza San Pietro e in diretta tv, per i ragazzi della squadra di calcio dell’oratorio di Urgnano, arrivati venerdì a Roma per un pellegrinaggio al termine della stagione sportiva.

Al termine dell’Angelus, dopo la benedizione alla folla, Papa Francesco ha infatti rivolto un saluto speciale alla nutrita compagnia bergamasca, che per l’occasione ha sventolato un gigantesco striscione lungo venti metri con la scritta «Calcio oratorio Urgnano ». Uno striscione che, in mezzo alla folla dei fedeli, non è passato inosservato agli occhi del Pontefice affacciato alla finestra del palazzo apostolico. Così, al termine

dei saluti agli altri gruppi presenti in piazza, ha sgranato gli occhi davanti allo striscione e, con il suo immancabile accento spagnolo e la sua simpatia ha esclamato sorridendo: «I ragazzi dell’oratorio di Urgnano! Vedo qui la loro bandiera… bravi, eh… siete bravi voi!». In piazza è stato subito tripudio generale, e pochi istanti dopo i ragazzi hanno postato il video di questo speciale saluto sulla bacheca Facebook dell’oratorio, subito commentato dai tanti urgnanesi che hanno assistito all’Angelus in tv, avvisati per tempo: infatti durante tutte le Messe mattutine in chiesa parrocchiale, il parroco ha invitato i fedeli a incollarsi davanti al video. Il gruppo, guidato dal direttore dell’oratorio don Davide Visinoni, era formato da una novantina di persone: dai giovani calciatori tra i sette i dodici anni ai loro allenatori e animatori. «L’emozione e la commozione per questo saluto sono state fortissime – racconta don Davide – anche perché per molti ragazzi è stata la prima volta che vedevano e sentivano il Papa dal vivo. Si è trattato di un pellegrinaggio che ha anche avuto una parentesi sportiva. Infatti, sabato abbiamo disputato due partite, con i pulcini e gli esordienti, sfidando la squadra Asd Petriana del Pontificio oratorio San Pietro che si trova proprio accanto alla Città del Vaticano»

I commenti sono chiusi.